GLI ITALIANI IN AFRICA ORIENTALE, di Angelo Del Boca (EPUB)

DEL BOCA

DOWNLOAD: VOLUME I : DALL’UNITA’ ALLA MARCIA SU ROMA (EPUB) https://drive.google.com/open?id=1llYFPxKhkHsL3rgHFu_oDUX1vhy2yDbm

DOWNLOAD: VOLUME II: LA CONQUISTA DELL’ “IMPERO”: https://drive.google.com/open?id=1fSBPUMYLPxnihjZjkKKsqbQ-TKklGS6Z

DOWNLOAD VOLUME III: LA CADUTA DELL’ “IMPERO”: https://drive.google.com/open?id=173EgYjgBzHE9qn12Zh00uLvaXIcZQXRv

DOWNLOAD VOLUME IV: NOSTALGIA DELLE COLONIE: https://drive.google.com/open?id=1zRQootfZlvSb0GlZlGrQmSKwgRBgeTVD

In questi 4 Volumi Angelo Del Boca  ricostruisce le vicende delle ex colonie tra il 1943 e il 1983. Quarant’anni cruciali per Etiopia, Eritrea e Somalia, passate dalla colonizzazione a una difficile e drammatica indipendenza.

DOWNLOAD: VOLUME I : DALL’UNITA’ ALLA MARCIA SU ROMA (EPUB) https://drive.google.com/open?id=1llYFPxKhkHsL3rgHFu_oDUX1vhy2yDbm

DOWNLOAD: VOLUME II: LA CONQUISTA DELL’ “IMPERO”: https://drive.google.com/open?id=1fSBPUMYLPxnihjZjkKKsqbQ-TKklGS6Z

DOWNLOAD VOLUME III: LA CADUTA DELL’ “IMPERO”: https://drive.google.com/open?id=173EgYjgBzHE9qn12Zh00uLvaXIcZQXRv

DOWNLOAD VOLUME IV: NOSTALGIA DELLE COLONIE: https://drive.google.com/open?id=1zRQootfZlvSb0GlZlGrQmSKwgRBgeTVD

DOWNLOAD: VOGLIAMO TUTTO! PERCHE’ DUE GENERAZIONI HANNO CREDUTO NELLA RIVOLUZIONE, di Angelo Ventrone (PDF)

vogliamo tutto

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1haYn3ZUUIb0OTy87LVh6ZRUfRp_O8wmd

Angelo Ventrone indaga alcuni decenni della storia recente del nostro paese, dal 1960 fino alla fine degli anni Ottanta. Indica due poli: il 1960, nel quale le proteste contro il governo Tambroni sembrano confermare agli occhi dei rivoluzionari italiani le potenzialità insurrezionali che albergano nelle masse popolari del paese; il 1988, l’assassinio del senatore Roberto Ruffilli, il cui omicidio è stato progettato per contestare e contrastare il definitivo riconoscimento, da parte della grande maggioranza dei militanti delle Brigate Rosse, della sconfitta e della conseguente conclusione della fase della lotta armata. È all’interno di questo trentennio che si svolge la parabola dell’ultimo movimento rivoluzionario italiano. Attraverso l’analisi dei testi prodotti da questa complessa galassia – dal gruppo dei Quaderni Rossi a quello di Classe Operaia, da Potere Operaio a Lotta Continua, dai maoisti ai trozkisti, dalle Brigate Rosse a Prima Linea, per finire con l’Autonomia Operaia – l’autore risponde ai tanti interrogativi che quegli anni sollevano. Per ricostruire l’universo mentale e le pratiche politiche dei giovani di quegli anni, sono state utilizzate le fonti più varie: la memorialistica, le riviste, i libri, gli opuscoli, i documenti di questure e prefetture, gli atti giudiziari, i manifesti, i volantini, le scritte sui muri, le canzoni e i film.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1haYn3ZUUIb0OTy87LVh6ZRUfRp_O8wmd

DOWNLOAD: LA SCHIAVITU’ DEL CAPITALE, di Luciano Canfora (EPUB)

CAPITALE

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1TRL14K9Fyw98uk2pli7PkZUwdjXVjtQ0

Il capitalismo ha vinto, ma forse è solo un tornante della storia Proprio come l’Idra, il mostro mitologico le cui teste, mozzate da Ercole, avevano il potere di rinascere raddoppiandosi, il capitalismo, un tempo solo occidentale oggi planetario, ricompare sulla scena del mondo riproponendo nuove e più sofisticate forme di schiavitù. Ma se è vero che dai grandi conflitti del ’900 il capitalismo è uscito vincitore trionfando su ogni rivoluzione, è altrettanto vero che “l’uguaglianza è una necessità che si ripresenta continuamente, come la fame”. Nella trama della storia qual è il posto di questo anelito, proprio delle religioni di salvezza e del comunismo moderno?

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1TRL14K9Fyw98uk2pli7PkZUwdjXVjtQ0

DOWNLOAD: L’ITALIA DEI MOVIMENTI. POLITICA E SOCIETA’ NELLA PRIMA REPUBBLICA, di Marica Tolomelli (EPUB)

MARICA

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=17RCylSZcWHdVOfSPnHPpjThWjAMrkblp

A fronte di una storiografia orientata a fare del Sessantotto il movimento che più di ogni altro ha segnato sviluppi sociali, politici e culturali nella seconda metà del Novecento, l’autrice propone una lettura dei movimenti collettivi nell’Italia repubblicana in un più ampio orizzonte temporale, spaziando dalla seconda metà degli anni Cinquanta per giungere alla prima metà degli anni Ottanta. Ne risulta una ricostruzione che rivisita, ponendoli sotto una nuova luce, alcuni snodi fondamentali dei processi di mobilitazione della società civile e i rapporti che ne scaturirono con le istituzioni – partiti e sindacati in primis -, offrendo nuovi spunti di riflessione sul ruolo dei movimenti all’interno della “Repubblica dei partiti”.

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=17RCylSZcWHdVOfSPnHPpjThWjAMrkblp

DOWNLOAD: L’IMMAGINARIO LEGHISTA.L’IRRUZIONE DELLE PULSIONI NELLA POLITICA QUOTIDIANA, a cura di Mario Barenghi & Matteo Bonazzi ( EPUB & PDF)

M. Barenghi, M. Bonazzi - L’immaginario leghista

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1xInASIVdEtQMmBolnbh1yl6EijSRwJ9u

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=19w44O2To8Su3fiJCl6Tkr_v3OD7-S3Xu

L’immaginario leghista è un vero paradigma del contemporaneo, un fenomeno incomprensibile entro i canoni della razionalità politica moderna. Le sue figure e le sue pratiche incarnano istanze estranee all’ideologia progressista e alle sue retoriche. Nell’attuale stato di crisi dell’efficacia delle leggi e delle strategie del moderno, queste configurazioni eterogenee sono in grado di mobilitare il desiderio sociale e le sue pulsioni, e mostrano un carattere insieme trasgressivo e collusivo, percepito come aberrante dalla tradizione illuminista alla quale tutti implicitamente facciamo riferimento. Il volume è organizzato attraverso una serie di lemmi, come un lessico che invita il lettore a decifrare, tra le righe, il diagramma funzionale dell’immaginario leghista. Il tema è affrontato in una prospettiva di confronto interdisciplinare: ne discutono antropologi (Lynda Dematteo, Pietro Scarduelli, Marco Traversari), geografi (Enrico Squarcina), pedagogisti (Sergio Tramma), sociologi e politologi (Roberto Biorcio, Giorgio Galli), storici del fenomeno leghista (Gilberto Oneto), filosofi (Matteo Bonazzi, Fulvio Carmagnola, Marcello Ghilardi, Marco Senaldi, Daniele Tonazzo), linguisti (Emanuele Banfi, Vermondo Brugnatelli, Enrica Cortinovis, Gabriele Iannàccaro), studiosi di letteratura e saggisti (Mario Barenghi, Marco Belpoliti, Gian Antonio Stella).

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1xInASIVdEtQMmBolnbh1yl6EijSRwJ9u

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=19w44O2To8Su3fiJCl6Tkr_v3OD7-S3Xu

DOWNLOAD: GLI I.W.W. E IL MOVIMENTO OPERAIO AMERICANO,di Renato Musto (PDF)

MUSTO

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=0B3jgRhfr4zuFZkd2N3NqVG5xNkk

Gli IWW, ricordiamolo, pur in mezzo a tutti i limiti e alle tante contraddizioni che ne segnarono la tormentata vicenda, sono l’organizzazione operaia minoritaria che per prima, a livello internazionale –   nel punto più avanzato dello sviluppo e nel paese che ha sempre vantato la sua “eccezionalità” di essere senza socialismo –  pose nella maniera più radicale e coerente la questione della democrazia industriale come autogoverno dei lavoratori a partire dalla concreta esperienza sul luogo di produzione. Lo fecero nel quadro di una storia magmatica e complessa quanto la composizione di classe della realtà, il capitalismo come “distruzione creatrice” nella sua forma più estrema, nella quale si muovevano. Musto saggiamente àncora questa storia attorno a tre capisaldi, che riflettono altrettanti elementi-chiave della vicenda dell’IWW ( wobbly ).

I primi due sono iscritti nel nome stesso dell’organizzazione, quel nome che poteva suonare incongruo e presuntuoso, vista l’esiguità delle forze rappresentate al congresso di fondazione a Chicago. Esso rifletteva tuttavia il legato, concretissimo, di pratiche di lotta e parole d’ordine, che da tempo viaggiavano, fra l’Atlantico, il Pacifico e il continente americano, nelle valigie dei migranti e nei fardelli dei lavoratori stagionali. Il primo caposaldo è l’impulso “industrialista”, la convinzione che il processo di estensione della condizione lavorativa dipendente massificata, legato alla concentrazione economica e ai processi di meccanizzazione in corso, spalancava la strada all’autogoverno operaio. C’era del meccanicismo, dell’ingenuo determinismo, proprio dei tempi, in questa convinzione, come nota giustamente Musto. Ma c’era anche un coraggioso sforzo di lettura soggettiva dei processi di trasformazione in corso nel rapporto di capitale dal lato dei suoi assetti proprietari, delle innovazioni tecniche e tecnologiche (un aspetto centrale dell’elaborazione wobbly) e della composizione tecnica della forza lavoro.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=0B3jgRhfr4zuFZkd2N3NqVG5xNkk

DOWNLOAD: COVERING ISLAM.COME I MEDIA E GLI ESPERTI DETERMINANO LA NOSTRA VISIONE DEL RESTO DEL MONDO, di Edward W. Said (PDF)

cover

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1Hth3Hyt1qifutCFIY0jbYTcwV3bYhe5w

“Covering Islam. Come i media e gli esperti determinano la nostra visione del resto del mondo” costituisce l’ideale prosecuzione dei libri che hanno reso celebre Edward W. Said: “Orientalismo” e “La questione palestinese”. L’assunto di Said è presto detto: l’imperialismo economico americano ed europeo necessita, per mantenere il suo dominio, di una costruzione simbolica del nemico. L’Islam, il “diverso”, l’Altro diventano l’oggetto artificiale su cui riversare le inquietudini di un Occidente in preda al panico. Said studia la cronaca giornaliera dei maggiori quotidiani, pesa ciascuna parola proferita nei dibattiti televisivi, smonta le opinioni interessate degli esperti di geopolitica: ne esce un quadro a tinte fosche delle distorsioni ideologiche praticate dai media, in favore di una chiara strategia militare e politica. Le analisi di Said forniscono un utile e aggiornato corollario alle tesi foucaultiane sulla costruzione dei discorsi di potere, attraverso uno dei più precisi documenti critici sulle capacità del dominio mediatico di plasmare i fatti e porsi a cavallo del potere politico. La questione palestinese, qui sullo sfondo, resta tuttavia il momento-chiave: negare cittadinanza a un popolo significa anzitutto ritrarlo, all’opinione pubblica, come irrazionale, infido, irrimediabilmente diverso. Una logica del capro espiatorio che non sembra lasciare alcuno spazio alla contraddizione, ma che sollecita la critica della cultura a impegnarsi nella pratica nobile della demistificazione.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1Hth3Hyt1qifutCFIY0jbYTcwV3bYhe5w