DOWNLOAD: VERSO LA LOTTA ARMATA La politica della violenza nella sinistra radicale degli anni Settanta,a cura di Simone Neri Serneri (PDF)

n12_neri_serneri.jpg

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1BUEhHVQqFclcyo2leN3uQOC46E8dYOHM

Una riflessione storiografica sull’esercizio della violenza dovrà spingersi oltre le opposte, ma riduttive, tendenze ad addebitarla all’esaltazione ideologica o alla degenerazione meramente criminale o, invece, a considerarla esito pur deprecabile delle contingenze politiche.

S. Neri Serneri

Il passaggio all’attività storiografica propriamente detta per quel che riguarda gli accadimenti dell’era contemporanea, è in genere preceduto da una naturale fase intermedia di narrazioni memorialistiche e mediatiche, quasi sempre prodotte o da protagonisti o comunque da parti in causa interessate. Queste letture particolari sono destinate poi a diventare esse stesse fonti preziose per gli storici. Succede sempre così. Sulla connessione tra violenza politica e prassi radicali nella sinistra degli anni Settanta, tema di ricerca approfondito in questo bel volume curato da Neri Serneri, si è dovuto invece registrare – ancora nell’ultimo decennio – una fatica maggiore degli studiosi (salvo qualche rarissima eccezione) ad entrare con i ferri del mestiere in medias res. Quest’opera, che raccoglie una parte consistente delle relazioni presentate al convegno Violenza politica e lotta armata nella sinistra italiana degli anni Settanta (Firenze, 27-28 maggio 2010), promosso dall’Istituto Storico della Resistenza in Toscana, fornisce – «superando i recinti delle memorie e le genealogie manichee» – una prima plausibile, per quanto interlocutoria, risposta ai tanti interrogativi sulla genesi fenomenologica della lotta armata in quegli anni.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1BUEhHVQqFclcyo2leN3uQOC46E8dYOHM

 

Annunci

DOWNLOAD: MORTE A ROMA.IL MASSACRO DELLE FOSSE ARDEATINE, di Robert Katz (EPUB)

41WJvm8O9PL._BO1,204,203,200_

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1ZFKFeO7M1CV6QmVo7y63EEbp-hxHhj-X

Roma, 24 marzo 1944. Alle Fosse Ardeatine trecentotrentacinque italiani vengono fucilati dai nazisti come rappresaglia per un attacco partigiano contro una colonna militare tedesca in via Rasella. Questo libro è il racconto documentatissimo di quei tragici giorni, una riflessione sulle responsabilità delle alte gerarchie fasciste e del Vaticano, che non intervennero per evitare la strage. Pagine indimenticabili, scandite da un ritmo incalzante, in cui si muovono personaggi come Herbert Kappler, il tenente colonnello della Gestapo principale artefice della strage, il feldmaresciallo Kesselring, capo di stato maggiore tedesco in Italia, e i grandi partigiani come Rosario Bentivegna e Carla Capponi.

Robert Katz è uno studioso e giornalista americano che si è interessato a fondo del periodo dell’occupazione nazista a Roma durante la Seconda Guerra Mondiale e del ruolo della Resistenza durante tale periodo. Ha scritto diversi libri legati a questi temi, tra cui “Dossier Priebke” e “Roma Città Aperta: Settembre 1943 – Giugno 1944”, quest’ultimo che ricostruisce la storia dell’occupazione nazista nella città e il ruolo degli attori in campo.

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1ZFKFeO7M1CV6QmVo7y63EEbp-hxHhj-X

DOWNLOAD: SCIOPERO! STORIA DELLE RIVOLTE DI MASSA NELL’ AMERICA DELL’ ULTIMO SECOLO,Jeremy Brecher (EPUB)

9788887423082_0_0_300_75

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=17sxEQj8eR0vAjJno7XDycqlKklXCSduc

La straordinaria epopea della lotta tra capitale e lavoro. La smentita del luogo comune che vuole i lavoratori americani docili, appagati e integrati al sistema, laddove la storia dell’ultimo secolo racconta di scioperi generali estesi a tutta la nazione, confische di giganteschi impianti industriali, rivolte e insurrezioni con l’uso di artiglieria, esplosivi, carri armati e aeroplani. Una storia definitivamente conclusa e da archiviare? Lo strumento di lotta dello sciopero generale, ben lungi dall’essere una reminiscenza del passato è, al contrario, una delle più significative caratteristiche dell’epoca della globalizzazione economica che stiamo vivendo.

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=17sxEQj8eR0vAjJno7XDycqlKklXCSduc

DOWNLOAD: STORIA DI LOTTA CONTINUA, di Luigi Bobbio (PDF)

 FullSizeRender-42

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1dtWtEIH_WveFjCk6LQP0s0iWGyYCkWRL

Questa Storia di Lotta continua è uno dei ragionamenti più importanti che è possibile leggere sugli anni Settanta, ancora oggi. E’ una storia quasi in presa diretta, scritta nel 1978, pubblicata nel 1979, e nonostante ciò in grado di esplorare in profondità gli anni Settanta come davvero poche altre opere sull’argomento. Il tentativo di sciogliere il nodo gordiano degli anni Settanta, come ripetuto varie volte, non produrrà risultati significativi fuori dalla lotta di classe. Detto altrimenti, sarà solamente un nuovo e duraturo ciclo di lotte politiche che saprà darsi da sé gli strumenti culturali e politici per razionalizzare l’esperienza del decennio ’68-’77, assumendo e, al contempo, liberandosi da quel vincolo. Eppure questo dato di fatto non ci assolve dall’onere della ricerca della comprensione di quel decennio. Non per mero interesse storiografico, quanto per necessità politica. In questa ricerca, favorita in tal senso dal quarantennale del Settantasette, non per caso ci siamo imbattuti in due storie di Lotta continua. Perché, nonostante le differenze che idealmente ci distanziano da quella storia, Lotta continua fu il soggetto che più consapevolmente produsse riflessioni su se stesso e sul contesto socio-politico di quegli anni, il movimento-partito in cui più apertamente trovarono sede confronti tra posizioni politiche diversificate; in altre parole, Lotta continua fu il soggetto di movimento degli anni Settanta più assimilabile a un partito, inteso nel senso migliore, e al tempo stesso maggiormente attraversato dalle istanze di movimento. E questa strutturazione si riverbera ancora oggi, lasciando dietro di sé una mole di materiali, di riflessioni, di documenti, talmente preziosi da farne una delle fonti privilegiate nella comprensione di quegli anni.

Luigi Bobbio:

Figlio del filosofo Norberto Bobbio, è stato autore e ricercatore di scienze politiche, professore di prima fascia in Scienza Politica nell’Università di Torino, esperto di analisi delle politiche pubbliche, del rapporto tra amministrazione locale e statale e di processi decisionali dell’apparato statale.

Fu un “leader” del movimento studentesco a Torino nel Sessantotto, fondatore ed esponente di Lotta Continua, della quale, nel 1979, scrisse una “storia” .

Dal 2000 ha insegnato come professore associato presso l’Università di Torino (dal 2005 come ordinario).

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1dtWtEIH_WveFjCk6LQP0s0iWGyYCkWRL

DOWNLOAD: CUBA 1958-1962, CRONACA DI UNA RIVOLUZIONE,di Juri Senici (EPUB)

41PBXKVulcL

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=10E4gqDQe_jhacHbHnDmfe8plBEvAxiKy

Ci sono vari modi per raccontare la storia, quello scelto dall’autore è senza dubbio il più cronologicamente esatto: la storia raccontata giorno per giorno attraverso i giornali dell’epoca. Una ricostruzione certamente non facile ma di indubbio effetto, che ci permette di conoscere avvenimenti curiosi della rivoluzione che per vari motivi i libri di storia non hanno mai riportato. Da leggere assolutamente, soprattutto per gli appassionati di storia, di Cuba e della rivoluzione più duratura della storia del XX secolo

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=10E4gqDQe_jhacHbHnDmfe8plBEvAxiKy

DOWNLOAD: Gli I.W.W. e il movimento operaio americano storia e documenti, di Renato Musto (PDF)

023L-1

DOWNLOAD: https://yadi.sk/i/hfKo65yR3TRxRP

Gli IWW, ricordiamolo, pur in mezzo a tutti i limiti e alle tante contraddizioni che ne segnarono la tormentata vicenda, sono l’organizzazione operaia minoritaria che per prima, a livello internazionale –   nel punto più avanzato dello sviluppo e nel paese che ha sempre vantato la sua “eccezionalità” di essere senza socialismo –  pose nella maniera più radicale e coerente la questione della democrazia industriale come autogoverno dei lavoratori a partire dalla concreta esperienza sul luogo di produzione. Lo fecero nel quadro di una storia magmatica e complessa quanto la composizione di classe della realtà, il capitalismo come “distruzione creatrice” nella sua forma più estrema, nella quale si muovevano. Musto saggiamente àncora questa storia attorno a tre capisaldi, che riflettono altrettanti elementi-chiave della vicenda dell’IWW ( wobbly ).

I primi due sono iscritti nel nome stesso dell’organizzazione, quel nome che poteva suonare incongruo e presuntuoso, vista l’esiguità delle forze rappresentate al congresso di fondazione a Chicago. Esso rifletteva tuttavia il legato, concretissimo, di pratiche di lotta e parole d’ordine, che da tempo viaggiavano, fra l’Atlantico, il Pacifico e il continente americano, nelle valigie dei migranti e nei fardelli dei lavoratori stagionali. Il primo caposaldo è l’impulso “industrialista”, la convinzione che il processo di estensione della condizione lavorativa dipendente massificata, legato alla concentrazione economica e ai processi di meccanizzazione in corso, spalancava la strada all’autogoverno operaio. C’era del meccanicismo, dell’ingenuo determinismo, proprio dei tempi, in questa convinzione, come nota giustamente Musto. Ma c’era anche un coraggioso sforzo di lettura soggettiva dei processi di trasformazione in corso nel rapporto di capitale dal lato dei suoi assetti proprietari, delle innovazioni tecniche e tecnologiche (un aspetto centrale dell’elaborazione wobbly) e della composizione tecnica della forza lavoro.

DOWNLOAD: https://yadi.sk/i/hfKo65yR3TRxRP

 

 

DOWNLOAD: La storia negata. Il revisionismo e il suo uso politico, a cura di Angelo Del Boca (PDF)

9788854503717_0_0_300_75

DOWNLOAD: https://yadi.sk/i/P7kdBo7F3TFj7Z

Sottoporre a revisione la storia è il compito stesso degli studiosi, essendo la storiografia nient’altro che una costante riscrittura della storia. Perché, dunque, degli storici come gli autori di questo libro dovrebbero schierarsi contro il “revisionismo”? Perché sotto questo termine si è delineato, nel corso degli ultimi decenni in Italia e nel mondo, un “uso politico della storia” che ha poco a che fare con la ricerca storiografica. Un “uso politico” dalle molteplici diramazioni, ma che, soprattutto nella distorta ricostruzione della nostra storia nazionale, presenta alcune opinioni ossessivamente ripetute: l’idea che il Risorgimento sia stato una guerra di annessione e non un movimento di rinascita per l’unità nazionale; la concezione del fascismo come tentativo autoritario bonario, distinto dal totalitarismo nazista e volto all’edificazione di una patria che non sarebbe esistita prima; l’ipotesi della morte definitiva della patria sancita dall’8 Settembre e la conseguente rivalutazione dei combattenti di Salò come autentici patrioti. Tesi politiche che non hanno la benché minima serietà né il rigore dell’autentica indagine storica, ma che, raffigurando gli avversari come i difensori di una “vulgata resistenziale”, di “verità di regime”, mirano a distruggere i fondamenti stessi della nostra storia repubblicana e della nostra Costituzione. Contro questo “revisionismo” si schierano alcuni tra i migliori storici italiani.

DOWNLOAD: https://yadi.sk/i/P7kdBo7F3TFj7Z