DOWNLOAD: POLIZIA E PROTESTA. L’ORDINE PUBBLICO DALLA LIBERAZIONE AI “NO GLOBAL”, di Donatella della Porta e Herbert Reiter (PDF)

9788815093691_0_221_0_75

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1t0t1IMM-Asuc9G20N-O-Co_pbfvtxBin

La questione dei rapporti tra ordine pubblico e libertà di manifestazione pubblica del dissenso è evidentemente delicatissima per gli equilibri interni di un sistema democratico, ma paradossalmente poco studiata, specie in Italia. Qui presentata è la prima analisi che, nel nostro paese, affronta l’argomento con rigore scientifico e ricchezza di materiale empirico, adottando una prospettiva storico-comparata con riferimento ad altre democrazie, europee e non. Gli autori si soffermano sulle caratteristiche e le trasformazioni delle forze di polizia italiane per quanto riguarda la struttura organizzativa, le competenze, la cultura.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1t0t1IMM-Asuc9G20N-O-Co_pbfvtxBin

Annunci

DOWNLOAD: LE DUE GUERRE. GUERRA FASCISTA E GUERRA PARTIGIANA, di Nuto Revelli (EPUB)

9788806164522_0_0_0_75

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1hGBSMH3WAnsjg-LArprztV-LPDZ-FcrO

Nuto Revelli offre qui un libro tra storia e memoria, una storia ricostruita “dal basso”, dalla parte degli umili, dalle loro testimonianze. Memoria personale e quindi tanto più coinvolgente in quanto vita vissuta – e sofferta – dal suo narratore. L’autore di “Guerra dei poveri” e del “Mondo dei vinti” racconta due guerre: quella in cui il popolo italiano è stato trascinato dalla follia nazifascista sul Fronte occidentale, su quello greco-albanese e infine, più tragicamente, sul fronte russo; e quella partigiana, che ha significato il riscatto di un’intera generazione.

DOWNLOAD (EPUB): https://drive.google.com/open?id=1hGBSMH3WAnsjg-LArprztV-LPDZ-FcrO

DOWNLOAD: MEMORIA E RIMOZIONE. I CRIMINI DI GUERRA DEL GIAPPONE E DELL’ITALIA, di AA VV (PDF)

e7de1696f5a4a8d81c52f46a05b02bf1_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1AOWakoQnOAdQFbCswR_P6Ee-zeZLYkhb

Dopo la fine della guerra fredda e la conseguente apertura di molteplici transizioni post-autoritarie in Europa centro-orientale, Africa, America latina, il problema della costruzione della memoria collettiva post-conflitto è diventato di stringente attualità. Storia, memoria, verità e diritto sono divenuti elementi articolati con meccaniche, politiche e strategie differenti. Da un lato vi è stata l’esperienza in Sudafrica della Commissione per la verità e la riconciliazione, che ha attuato un’inedita procedura basata su confessione pubblica dei crimini in cambio d’amnistie ripensando così le strategie di coming to term with the past. L’idea è che il processo penale non sia lo strumento più efficace per la ricostruzione di fenomeni complessi come l’agire criminale dello Stato e le lotte d’apposizione ad esso. Dall’altro, parallelamente, la comunità internazionale ha scelto la strada opposta: lo sviluppo della giustizia penale internazionale. Alla base, l’idea che il processo penale e i meccanismi della prova giudiziale siano gli strumenti, non solo di retribuzione penale, ma anche di determinazione della «verità sul passato».In Europa, dibattiti e ricerche sul malaise de la mémoire – di cui sono sintomo i tentativi odiosi di negazione del genocidio o di rilettura delle responsabilità per i crimini del passato – sono ripresi con nuovo vigore. Se l’indagine storica ha progressivamente rotto il muro del silenzio erto da «convenzioni» politico-mnemoniche dettate dai compromessi contingenti del dopo guerra, sono in molti ad individuare le ragioni della «memoria incompleta» o «instabile» nell’assenza di un’efficace azione giudiziaria di de-fascistizzazione o de-nazificazione. Su questo terreno la «verità giudiziale» è percepita come complemento dell’indagine storica. I saggi raccolti nel volume si collocano in questo dibattito aprendo nuove prospettive sul piano metodologico e dei temi di ricerca. L’inedito approccio comparato tra Giappone e Italia individua importanti omologie circa fenomeni di occultamento mnemonico dei rispettivi crimini di guerra. Su questo terreno ha inciso anche la «variabile giudiziaria». Infatti, da un lato il Giappone che, pur avendo avuto un evento fondante come il Processo di Tokyo, e proprio a causa della preselezione delle fattispecie d’imputazione portate innanzi alla Corte, manifesta ancora oggi consistenti inconsapevolezze circa le violenze praticate dal regime imperiale. Dall’altro l’Italia che, in assenza di una «Norimberga italiana» e con un’azione giudiziaria di de-fascistizzazione abortita ha accettato per decenni mitologie collettive storicamente infondate. Il volume continua l’opera di ricerca storica sulle pagine più buie dei crimini commessi dall’esercito italiano nelle aree d’espansione coloniale e d’occupazione fascista per decenni rimosse dallo spazio mnemonico pubblico, aprendo al contempo lo studio comparato sugli analoghi crimini commessi dall’esercito giapponese. All’indagine storica sui fatti si somma la riflessione circa le ragioni, le modalità e le dinamiche di rimozione di tali crimini dalla memoria collettiva.
Andrea Lollini

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1AOWakoQnOAdQFbCswR_P6Ee-zeZLYkhb

DOWNLOAD: VISITA A CUBA. REPORTAGES SULLA RIVOLUZIONE CUBANA E SULL’INCONTRO CON CHE GUEVARA, di Jean-Paul Sartre (PDF)

9788845702211_0_0_0_75

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1kRV-WtRkcr1p4qVmULwdcpLQf721QbTu

Nel 1960 Sartre e Simone de Beauvoir trascorsero un lungo perìodo a Cuba, visitando l’isola e incontrando i suoi principali dirigenti. Memorabile è l’incontro con Fidel Castro e con Che Guevara nel racconto che ne ha fatto Sartre.
Questo libro è apparso solo in spagnolo a Cuba e in inglese negli Usa (nel 1960 e 1961). In forma di volume non è mai stato pubblicato nemmeno in Francia.
Contiene tutti gli appassionanti reportage su Cuba che Sartre scrisse per il giornale France-Soir В«Uragano sopra lo zuccheroВ», qui tradotto per la prima volta), oltre a un saggio su В«ideologia e rivoluzioneВ», il resoconto di un dibattito con gli scrittori cubani e alcune valutazioni di Sartre su Che Guevara.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1kRV-WtRkcr1p4qVmULwdcpLQf721QbTu

DOWNLOAD: LA RESISTENZA ITALIANA DALL’OPPOSIZIONE AL FASCISMO ALLA LOTTA POPOLARE, di A.A.V.V. (PDF)

2560031171110_0_0_0_700_75

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=11HAARtK3Weh78SSmkKIGbD7gy-T6qfGb

Un testo fondamentale su quella che fu,nel nostro paese,la lotta al fascismo.Uscito nel 1975 per la Mondadori, raccoglie le testimonianze di chi ha lottato,pagando un prezzo enorme, contro ciò che fu un abominio della nostra storia.

In questo,fondamentale,testo autori e protagonisti del calibro di Alceo Riosa, Pierto Scoppola, Giuntella ecc… ricostruiscono la storia dell’antifascismo dai primi anni fino al 1943,con la nascita del movimento partigiano e la guerra di liberazione.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=11HAARtK3Weh78SSmkKIGbD7gy-T6qfGb

DOWNLOAD: VERSO LA LOTTA ARMATA La politica della violenza nella sinistra radicale degli anni Settanta,a cura di Simone Neri Serneri (PDF)

n12_neri_serneri.jpg

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1BUEhHVQqFclcyo2leN3uQOC46E8dYOHM

Una riflessione storiografica sull’esercizio della violenza dovrà spingersi oltre le opposte, ma riduttive, tendenze ad addebitarla all’esaltazione ideologica o alla degenerazione meramente criminale o, invece, a considerarla esito pur deprecabile delle contingenze politiche.

S. Neri Serneri

Il passaggio all’attività storiografica propriamente detta per quel che riguarda gli accadimenti dell’era contemporanea, è in genere preceduto da una naturale fase intermedia di narrazioni memorialistiche e mediatiche, quasi sempre prodotte o da protagonisti o comunque da parti in causa interessate. Queste letture particolari sono destinate poi a diventare esse stesse fonti preziose per gli storici. Succede sempre così. Sulla connessione tra violenza politica e prassi radicali nella sinistra degli anni Settanta, tema di ricerca approfondito in questo bel volume curato da Neri Serneri, si è dovuto invece registrare – ancora nell’ultimo decennio – una fatica maggiore degli studiosi (salvo qualche rarissima eccezione) ad entrare con i ferri del mestiere in medias res. Quest’opera, che raccoglie una parte consistente delle relazioni presentate al convegno Violenza politica e lotta armata nella sinistra italiana degli anni Settanta (Firenze, 27-28 maggio 2010), promosso dall’Istituto Storico della Resistenza in Toscana, fornisce – «superando i recinti delle memorie e le genealogie manichee» – una prima plausibile, per quanto interlocutoria, risposta ai tanti interrogativi sulla genesi fenomenologica della lotta armata in quegli anni.

DOWNLOAD (PDF): https://drive.google.com/open?id=1BUEhHVQqFclcyo2leN3uQOC46E8dYOHM

 

DOWNLOAD: STORIA DELLA RESISTENZA. LA GUERRA DI LIBERAZIONE IN ITALIA: 1943-1945, di Pietro Secchia e Filippo Frassati (PDF, VOL. I e II).

g339_1024x1024

Pubblicato nel 1965, scritto da due tra i più importatnti protagonisti della storia del nostro paese, questo libro rimane,oggi, un testo fondamentale sulla storia della guerra di liberazione dal nazifascismo in Italia.

DOWNLOAD VOL. I (PDF): https://drive.google.com/open?id=11xr3Q068rxi6dzVw67nGPUkWDTQcGdR0

DOWNLOAD VOL II (PDF): https://drive.google.com/open?id=1iIKUSB4Pg5J4N1oDV6gUleeuUbUnomsW